Ristorante “Locanda di Orta” – Orta San Giulio (NO)

E’ luglio, precisamente il 27, e siccome è il nostro anniversario, io e Alessandro decidiamo (questa volta solamente noi due, vista l’occasione!) di regalarci una super cena alla Locanda di Orta, carinissimo localino nel centro storico di Orta San Giulio, sull’omonimo lago. Il ristorante offre anche il servizio di bed&breakfast: ha infatti 6 camere e 3 junior suites molto suggestive, ricavate all’interno di uno dei palazzi più antichi di Orta, lo stesso nel quale al primo piano troviamo il Ristorante Gourmet (15/20 coperti) e in terrazza il Gastrobistrot (25/30 coperti), per proposte informali e moderne.

Noi abbiamo scelto il Ristorante Gourmet, riservando l’unico tavolino posto su un piccolissimo balcone che dà direttamente sulla piazzetta Ragazzoni. Romanticissimo.

sala pranzo

La sala da pranzo del Ristorante Gourmet con il tavolino sul balconcino

Sul subito, appena seduti, ci viene offerto un aperitivo, costituito da un divertente assortimento: una polpettina di astice, due stecconi con carotine in pastella, focaccine fatte in casa con sale grosso e del pane di lievito madre servito con burro e olio extra vergine a parte. Infine, una particolarissima ostrica servita in una piccola boule e adagiata su una granita di acqua di mare. Ammetto che io non sono particolarmente amante delle ostriche, ma questa mi ha incuriosito molto!

L'aperitivo finger food

L’aperitivo finger food

Ostrica su granita di acqua di mare

Ostrica su granita di acqua di mare

Il tutto accompagnato da un calice di Franciacorta Vezzoli.

Il personale è molto premuroso: il vostro calice non farà mai in tempo a svuotarsi e sarete super coccolati da mille attenzioni.

Passiamo a ciò che abbiamo assaggiato. Antipasti: per me capesante scottate, infuso di mela verde e sedano; per Alessandro tuorlo d’uovo croccante, mousseline di funghi cardoncelli e tartufo nero. L’apoteosi del gusto. Abbinamenti particolarissimi ma di grande effetto. L’infuso di mela verde, versato al momento sulla composizione di capesante, dava una nota di freschezza incredibile. Il tuorlo d’uovo croccante era uno spettacolo già solo a vedersi e l’abbinamento con i funghi e il tartufo era superbo.

Capesante scottate, infuso di mela verde e sedano

Capesante scottate, infuso di mela verde e sedano

 

Tuorlo d'uovo croccante con mousseline di funghi cardoncelli e tartufo nero

Tuorlo d’uovo croccante con mousseline di funghi cardoncelli e tartufo nero

Primi piatti: io spaghetti “Cav. Giuseppe Cocco”, pepe di Sarawac, acciughe del Cantabrico e Castelmagno. Alessandro risotto carnaroli “Az. Agr. San Rocco” mantecato al baccalà e ragout di spugnole. I miei spaghetti mi ricordavano un po’ un cacio&pepe, ma certamente di più alto livello, con l’acciuga che contribuiva a dare il giusto grado di sapidità al piatto. Il risotto di Alessandro era molto ben mantecato e spugnole e baccalà insieme creavano un connubio perfetto.

Spaghetti "Cav. Giuseppe Cocco", pepe di Sarawac, acciunghe del Cantabrico e Castelmagno

Spaghetti “Cav. Giuseppe Cocco”, pepe di Sarawac, acciunghe del Cantabrico e Castelmagno

 

Risotto carnaroli "Az. Agr.  S. Rocco" mantecato al baccalà e ragout di spugnole

Risotto carnaroli “Az. Agr. S. Rocco” mantecato al baccalà e ragout di spugnole

Indecisi se prendere o no il secondo, siamo passati direttamente al dolce. Ma prima di servirci ciò che avevamo scelto, ci è stato portato un pre-dolce: una mousse di frutto della passione con cremoso al latte. Delizioso e fresco.

Mousse di frutto della passione e cremoso al latte

Mousse di frutto della passione e cremoso al latte

Ma ecco la nostra scelta: per me crema alla liquirizia…bruciata allo zucchero bruno e composta di fragole e per Alessandro cremoso alla banana e cioccolato bianco d’Ivoire 35%  e salsa Martinica. Che dire, la composta di fragole abbinata al gusto forte della liquirizia è un accostamento particolare ma azzeccato. Banana e cioccolato, si sa, è un matrimonio perfetto!

Altra chicca: dopo il vostro dolce, vi portano anche una golosissima piccola pasticceria: una mini bavarese alla nocciola, degli stecconi con una mandorla caramellata e un cioccolatino e una boule con spuma di latte e nocciola pralinata!!

IMG-20130730-WA0001

Crema alla liquirizia…bruciata allo zucchero bruno e composta di fragole

IMG-20130730-WA0002

Cremoso alla banana e cioccolato bianco d’Ivoire 35% e salsa Martinica

IMG-20130730-WA0000

La piccola pasticceria

In abbinamento alla nostra cena abbiamo scelto una bollicina a tutto pasto, ma non la classica Franciacorta, un Metodo Classico di Les Cretes (Val d’Aosta).

Concludiamo con caffè, una bottiglia d’acqua, il tutto per 60 euro a persona. Li vale davvero tutti. Provare per credere.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...