Lo Zelten trentino

DSC_0098

Lo zelten è la torta tipica natalizia del Trentino Alto Adige. So che ormai siamo praticamente usciti dal periodo delle festività – e infatti io l’ho cucinato proprio per la sera di Natale – ma sicuramente abbiamo ancora in giro frutta secca e frutta candita, perciò potrebbe essere un ottimo modo per utilizzarle. E’ una torta che a mio avviso va benissimo anche per la colazione, per essere inzuppata nel latte. E’ molto compatta e perciò non si disferà, mantenendo invece tutto il liquido all’interno.

Le origini di questo dolce sono mitteleuropee e risalgono al XVIII secolo, quando veniva offerto dal 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, per tutta la durata delle feste. Un’altra leggenda invece dice che questo dolce veniva preparato il 21 dicembre, vigilia di San Tommaso. Tutta la famiglia partecipava alla preparazione dello Zelten, soprattutto le giovani donne, che lavoravano con dedizione, poichè il dolce veniva poi donato al loro futuro fidanzato o sposo. Una volta preparato il dolce, la madre segnava con una croce il centro dello Zelten e lo benediva prima di infornarlo. Una volta pronto, lo Zelten veniva benedetto un’ultima volta e poi riposto nella credenza, dove veniva conservato fino all’Epifania, quando veniva diviso tra tutta la famiglia.

INGREDIENTI:

  • 350 gr farina 00
  • 2 bustine di lievito vanigliato
  • 120 gr di burro
  • 170 gr di zucchero
  • 1 dl di latte
  • 4 uova
  • 120 gr di gherigli di noce
  • 120 gr di fichi secchi
  • 100 gr di scorze di arancia candite
  • 60 gr di uvetta sultanina
  • 50 gr di pinoli
  • 2 bicchierini di rum o maraschino

PROCEDIMENTO:

In una ciotola setacciate la farina insieme al lievito e nel frattempo mettete l’uvetta ad ammollare nel liquore. Tritate grossolanamente le noci e i pinoli.

Montate il burro ammorbidito con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso; incorporate le uova una ad una, il latte intiepidito e la farina setacciata con il lievito. Lavorate a lungo il composto (se utilizzate un robot da cucina fatelo andare per 7/8 minuti a velocità media), incorporate quindi il liquore, l’uvetta ben strizzata, il trito di noci e pinoli, le scorze di arancia candite e i fichi secchi a dadini. Se non avete in casa queste varietà di frutta secca potete utilizzare anche mandorle o nocciole. Stesso dicasi per le scorzette candite, va bene anche il cedro ad esempio.

Foderate con carta forno uno stampo di 24 cm di diametro e versatevi il composto. Cuocete in forno a 175° C per 45 minuti circa. Sfornate lo Zelten su una gratella e lasciatelo raffreddare. Sarebbe meglio servirlo in tavola non prima di 24 ore, conservatelo in luogo asciutto e accompagnatelo con un bel calice di passito.

DSC_0102

 

DSC_0100

Annunci

3 pensieri su “Lo Zelten trentino

  1. Lo conosco di fama ma non l’ho mai ne mangiato ne cucinato! …quando un dolce è buono si fa e si mangia anche dopo le feste 😉 …hai fatto bene a proporlo! 🙂

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...