Cucchiaino di salmone in alga nori, crema di zola e pompelmo rosa

DSC_0298

Vi chiederete: gorgonzola e pompelmo rosa??? Ma da quando?? Ebbene sì care le mie lettrici e lettori…per ideare questa ricetta ho preso spunto dal bellissimo ed interessantissimo contest ideato da un gruppo di 6 fantastiche blogger, che ripercorre quanto raccontato nel libro La Grammatica dei Sapori di Niki Segnit. L’autrice ha individuato 16 famiglie di sapori, per un totale di 4000 abbinamenti diversi. E qui troverete uno di questi abbinamenti, che contempla proprio il POMPELMO e i FORMAGGI ERBORINATI.

La mia blogger di riferimento è “la signora del pompelmo” Marzia Alietta de Coffee & Mattarello.

Non vi nascondo che all’inizio l’accoppiata pompelmo e formaggi erborinati mi suonava piuttosto complicato, ma allo stesso tempo mi stuzzicava molto l’idea di abbinare due ingredienti così apparentemente diversi e poco compatibili.

Ho pensato a cosa potesse essere affiancato al pompelmo, e subito mi è venuto naturale pensare al pesce…ma non i soliti gamberi o mazzancolle o crostacei che siano. Perchè non provare con del salmone affumicato?

Ho poi trovato questa particolare versione del salmone affumicato, presentato avvolto nell’alga nori.

Eccovi la mia ricetta.

DSC_0294

COSA VI OCCORRE (per 2 fingers):

  • 2 fette di salmone affumicato in alga nori (io ho l’ho trovato della Fjord)
  • 2 spicchi di pompelmo rosa pelato a vivo
  • 4 cucchiai di gorgonzola dolce
  • latte q.b.

COME DOVETE PROCEDERE:

Mettete il gorgonzola in un recipiente alto, aggiungete poco latte per volta ed amalgamate il tutto con il frullatore ad immersione, fino a creare una crema omogenea. Il latte vi aiuterà anche a smorzare un pochino il gusto pungente del gorgonzola.

Pelate un pompelmo e sbucciatelo a vivo, cercando di mantenere il più possibile lo spicchio integro.

Disponete la crema di gorgonzola nei cucchiaini in ceramica, prendetela fetta di salmone affumicato ed arrotolatela su se’ stessa come un piccolo rotolino. Adagiatela sul formaggio ed infine guarnite con lo spicchio di pompelmo rosa.

Con questa ricetta partecipo al contest:

sedici_agrumati_zpsunp99msj

Hosomaki di zucchina con crema al basilico e menta e al tonno

DSC_0008 (7)

DSC_0012 (6)

L’orto pullula di verdure, zucchine su tutte. Ed ecco che incomincia quel periodo dell’anno in cui bisogna inventarsi più versioni possibili per mangiarle: pasta con le zucchine, zucchine ripiene, zucchine in padella…e chi più ne ha più ne metta.

Ieri sera tornando a casa dal lavoro ho pensato a questo antipastino, che potete tranquillamente proporre anche come aperitivo fresco e leggero. E’ a tutti gli effetti un piatto light! Perciò care amiche a perenne dieta o in attesa della prova costume..non avete scampo!! Vi tocca prepararlo.

Ho deciso di chiamarli “hosomaki” in quanto per la forma ricordano molto i rotolini di alga, riso e verdure o gamberi tipici della cucina giapponese (forse mia sorella avrà qualcosa da ridire in merito…)

DSC_0007 (7)

INGREDIENTI (per ca. 15 hosomaki):

  • 2 zucchine di media lunghezza
  • 4 cucchiai di formaggio spalmabile light (quark, vitasnella, philadelphia)
  • 1 scatoletta di tonno al naturale
  • una manciata di foglie di basilico fresco
  • una manciata di foglie di menta fresca
  • sale

PROCEDIMENTO:

Mettete sul fuoco una pentola d’acqua, salate. Nel frattempo lavate e mondate le zucchine, poi affettatele a strisce sottili con il pelapatate. Non appena l’acqua prende il bollore, tuffatevi le strisce di zucchine per una paio di minuti, massimo tre. Devono risultare morbide ma non devono sfaldarsi. Adagiatele su un piatto con della carta assorbente ed asciugatele bene.

Preparate le farciture: col frullatore a immersione amalgamate due cucchiai di formaggio light con il tonno, regolate di sale e se necessario aggiungete un cucchiaio di acqua di cottura delle zucchine per rendere cremoso il composto.

Preparate la seconda farcitura con altrettanti cucchiai di formaggio spalmabile e  le foglie di basilico e menta spezzettate. Aggiustate di sale se necessario ed aiutatevi con l’acqua di cottura all’occorrenza.

Disponete i composti lungo le strisce di zucchina, farcitene alcune in un modo e alcune nell’altro. Arrotolate le zucchine formando gli hosomaki. Disponeteli sul piatto di portata e decorate con fili di porro, foglioline di menta, gocce di glassa di aceto balsamico.

Se vi avanza della farcitura, potete servirla in bicchierini monoporzione e decorare con pepe, pomodorini pachino o quant’altro vi piace.

DSC_0014 (8)

 

DSC_0017 (4) DSC_0005 (7)DSC_0020 (3)

Chips di zucca profumate al rosmarino

Chips Zucca2

I love zucca in tutte le sue declinazioni!! Ma così non l’avevo mai vista preparare: ho letto un articolo dedicato alla regina dell’autunno sul AliceTv e questa ricetta, semplicissima e gustosissima, mi ha incuriosito molto. Se poi la presentate in conetti di carta grezza oppure in barchette di bamboo, farete un figurone con gli amici! Per un aperitivo, per un buffet finger food, per una sana merenda per i vostri bimbi..ma anche per la mia super amica Vale che ha problemi di gastrite (visto che ti ho pensata????) e non sa mai cosa mangiare e come cucinare quelle poche cose che può mangiare 🙂

INGREDIENTI (per 4 persone):

  • 1/2 zucca di piccole dimensioni (quelle con la buccia verde)
  • 4 rametti di rosmarino
  • 4 cucchiai di olio evo
  • sale quanto basta

PROCEDIMENTO:

E’ facilissimo: pulite e affettate la zucca in fettine sottili, se necessario utilizzate una mandolina. Io ho usato un buon coltello con la lama in ceramica.

Foderate due placche con carta forno e disponetevi le fettine di zucca una vicino all’altra, ma facendo attenzione a non sovrapporle. Sminuzzare il rosmarino sopra la zucca e mettere in forno per 30 minuti circa a 180°C, finchè le chips risulteranno ben croccanti.

Ovviamente potete anche friggerle…ma così saranno certamente più sane, e non vi puzzerà la casa!!

Servite il coni di carta grezza oppure semplicemente su un piatto o in una ciotola come se fossero patatine. Un bel calice di Franciacorta Satèn e via! Che il weekend abbia inizio!!

 

Polpette di broccoli e patate con zafferano e pinoli

Polpette2

La domenica è sempre il giorno in cui riesco a sperimentare qualcosa di nuovo, diverso e interessante, a patto che non debba lavorare ovviamente…stamattina mi sono svegliata, colazione leggera, due lavoretti in casa e in men che non si dica arriva il momento di pensare a cosa mettere in tavola per pranzo. La mamma di Alessandro ieri mi ha dato un vassoio di tortelli di zucca e amaretti, fatti rigorosamente in casa come del resto vuole la sua origine emiliana :-)..potevo mica rifiutare?? E siccome sono sempre abbastanza sostanziosi, conditi con un bel sugo con la salsiccia, ho pensato di fare un secondo a base di verdure, ma allo stesso tempo sfizioso e stuzzicante. Nel frigo avevo: carote, coste, radicchio, sedano e broccoli. Adoro la pasta coi broccoli ma avendo già i tortelli….dovevo inventarmi qualcos’altro! Già una volta avevo provato a fare delle polpette di melanzane, perchè non provare a farle coi broccoli??

INGREDIENTI (per 4 persone):

  • 1 broccolo
  • 2 patate medie
  • 2 uova
  • 5 cucchiai di farina
  • 5/6 cucchiai di pan grattato
  • 4 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 1 bustina di zafferano
  • 2 cucchiai di pinoli
  • sale q.b.

PROCEDIMENTO:

Mondate e lavate il broccolo, dividendolo in cimette; pelate, lavate e tagliate a spicchi le patate. Cuocere le verdure al vapore, finchè saranno morbide. Nel frattempo riscaldate il forno a 180°C.

Mettete le verdure cotte nel robot da cucina e tritatele finemente fino a creare una puré. Aggiungete un uovo, 2 cucchiai di farina, lo zafferano sciolto in un pochino di acqua calda, i pinoli, il parmigiano, aggiustate di sale e amalgamate nuovamente. Aggiungete infine 2 cucchiai di pan grattato per rendere il composto un po’ più solido. Se necessario aggiungetene ancora, regolandovi in base alla consistenza.

Sbattete l’uovo rimasto in un piatto. Prelevate poco a poco il composto di broccoli, formate delle palline con le mani umide (così non vi si attaccherà l’impasto alle mani), passatele poi nella restante farina, nell’uovo sbattuto e infine nel pan grattato rimasto.

Posizionate le polpette sulla placca del forno foderata con la carta apposita e cuocete per una mezz’ora circa a 180° C. A metà cottura rigirate le polpette così che si cuociano uniformemente.

Servite ben calde. Volendo potete anche friggerle, ma io ho preferito la cottura al forno per renderle più leggere. Vanno bene sia come contorno, che come secondo leggero o come stuzzicante aperitivo, accompagnato da una bollicina.

Chips di patate blu

Da qualche tempo si trova da certi fruttivendoli ben forniti una particolare varietà di patate: le patate blu. Queste patate sono originarie del Sudamerica, precisamente provengono dalle Ande Peruviane. La patata blu non va confusa con la patata nera o violetta, la cui polpa è gialla. Sono patate che rendono poco e sono molto piccole. In compenso, sono certamente molto originali, diverse e ricchissime di antiossidanti. Il colore viola del tubero è dato dalla presenza degli antociani, che conferiscono il tipico colore blu-violetto a mirtilli, melanzane, uva nera, ecc. È dunque anche una notevole fonte di antiossidanti naturali. Io le ho trovate da una cooperativa agricola e ho provato a farle fritte, a chips, da accompagnare come contorno particolare ad una grigliata estiva. Sono molto adatte anche per la preparazione di puré e gnocchi…che risulteranno di un meraviglioso colore blu-viola!

INGREDIENTI per 4 persone:

15 patate blu

olio di semi

sale

PROCEDIMENTO:

Sbucciate le patate e lasciatele per un quarto d’ora circa in ammollo in acqua per far perdere l’amido. Scolate le patate, asciugatele e affettatele molto sottili. Fate scaldare per bene l’olio in una padella e poi pian piano mettete le patate a friggere, rigirandole più volte. Quando saranno ben dorate, scolatele e poggiatele su un piatto con carta assorbente, salate a piacimento e servite su di un piatto di portata.

Uova di quaglia Finger Food

Sempre parlando del mio menù Pasqua, ho pensato di proporre come aperitivo finger food dei piccoli cucchiaini preparati con le uova di quaglia. Queste ovette sono perfette per il menù pasquale. A volte non sappiamo come utilizzarle, essendo piccole e delicate. Ecco un’ottima occasione per portarle sulla vostra tavola…anche se non è Pasqua!

INGREDIENTI:

1 confezione di uova di quaglia

maionese

salsa tartara

cetriolini e carotine sott’aceto

erba cipollina

aneto

olive nere

filetti di peperone sott’aceto

PROCEDIMENTO:

E’ semplicissimo: rassodate le uova di quaglia in un pentolino largo per circa 4 minuti dal momento dell’ebollizione, facendo attenzione che durante la bollitura non si spacchino. Sbucciarle e lavarle sotto l’acqua fredda. Tagliare a metà ciascun ovetto e procedere alla decorazione, a fantasia: con maionese e rondelle di cetriolo, con olive nere e foglie di erba cipollina, con salsa tartara, filetti di peperone e aneto….e quant’altro vi suggerisca la vostra creatività!

Servite le metà di uovo su dei cucchiaini monoporzione in ceramica e su delle forchettine monoporzione in acciaio.

 

 

 

Bicchierini con crema al gorgonzola, composta di pere e noci

I miei tanto adorati finger food! Questo è stato il primo “esperimento”, che ha riscosso molto successo tra i miei amici.

Una simpatica idea per le vostre apericene, cene in piedi e occasioni informali.

INGREDIENTI (per circa 6 bicchierini):

50 gr di crackers integrali

30 gr di burro

200 gr di gorgonzola naturale

130 gr di formaggio spalmabile (tipo Philadelphia)

8/10 noci

6 cucchiaini di composta di pere

PROCEDIMENTO:

Frullare i crackers nel mixer insieme al burro, finchè risulteranno sbriciolati. Distribuire il composto sul fondo dei bicchierini. Lavorare il gorgonzola naturale con il formaggio spalmabile fino ad ottenere una crema morbida. Aiutandosi con un sac à poche, fare dei ciuffetti di crema all’interno dei bicchierini. Terminare la decorazione con un cucchiaino di composta di pere e qualche gheriglio di noce sbriciolato.